Teramo: bando start-up per l’avvio di nuove attività imprenditoriali

La Camera di Commercio di Teramo ha pubblicato un bando mirato ad incentivare l’avvio di nuove attività imprenditoriali (start-up) sul territorio provinciale. L’iniziativa ha come scopo quello di sostenere la diffusione della cultura imprenditoriale, la creazione di nuove imprese e per contribuire a combattere la disoccupazione e favorire la creazione di nuovi posti di lavoro. Potranno accedere ai finanziamenti le micro, piccole e medie imprese attive in tutti i settori economici operanti in provincia in Teramo e iscritte al Registro delle Imprese dal 1 gennaio 2014.

Queste dovranno essere attive al momento della presentazione della richiesta di contributo ed al momento della relativa erogazione e risultare in regola con gli obblighi contributivi e assicurativi dei dipendenti nel pieno rispetto del CCNL del comparto e con il pagamento del diritto annuale camerale. Nel caso di irregolarità con il pagamento del diritto annuale, l’azienda potrà procedere alla regolarizzazione entro il termine perentorio di giorni 10 dalla data di comunicazione dell’Ente camerale pena esclusione dal contributo.

Sono ammissibili a contributo le seguenti spese per investimenti materiali ed immateriali riconducibili allo start-up d’impresa. In particolare, potranno essere ammesse le spese per parcelle professionali relative alla costituzione di impresa, per la partecipazione di corsi di formazione professionale, manageriale e o partecipazioni a master universitari nelle tematiche della gestione di impresa o di temi attinenti all’attività della nuova impresa, per l’acquisto di beni strumentali, macchinari, attrezzature necessari all’attività.

Saranno altresì considerate le spese per lavori di adeguamento, rinnovo e ristrutturazione di locali destinati esclusivamente allo svolgimento delle attività imprenditoriali, per la quota di ingresso del contratto di franchising nel limite del 30%, per l’acquisto e lo sviluppo di software e altre applicazioni aziendali inerenti l’attività dell’impresa, per la registrazione e lo sviluppo di marchi e brevetti, per le spese pluriennali per il piano di comunicazione e per le ricerche di mercato relative all’analisi di settore e ai segmenti di mercato potenziali.

Per l’annualità 2014 è stata stanziata una somma complessiva di € 90.000La Camera di Commercio erogherà contributi nella misura d’aiuto del 70% delle spese ammissibili, e dall’importo massimo di € 4.500 per le ditte individuali e € 6.000 per le società. Le domande di partecipazione devono essere inviate mediante posta elettronica certificata entro il 31 ottobre 2014. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il bando completo in formato pdf ospitato sul sito web ufficiale della CCIAA di Teramo www.te.camcom.i, seguendo questo link.