Posts

giovani agricoltori

Contributo a fondo perduto per sostenere l’avvio di imprese in Valle d’Aosta di giovani agricoltori

L’agricoltura è da sempre uno dei settori economici più importanti dell’economia italiana, motivo per cui la Regione Valle d’Aosta ha previsto lo stanziamento di contributi per sostenere il ricambio generazionale e supportare i giovani agricoltori nell’avvio di imprese e progetti imprenditoriali innovativi e competitivi.

Area Geografica: Valle d’Aosta
Scadenza: 31/03/2018
Beneficiari: Micro Impresa, PMI
Settore: Agricoltura
Spese finanziate: Consulenze/Servizi, Avvio attività, Opere edili e impianti, Attrezzature e macchinari
Agevolazioni: Contributo a fondo perduto
Dotazione finanziaria: 1.950.000€

Descrizione del bando

L’obiettivo del presente bando è quello di favorire i giovani agricoltori, qualificati nel settore agricolo, per la realizzazione di progetti imprenditoriali innovatici, competitivi e in grado di stare sul mercato. Il contributo a fondo perduto fino a 40.000€ privilegia qui giovani agricoltori che si insedieranno in un contesto socioterritoriale marginale.

Chi può beneficiare del contributo

I giovani agricoltori che possono beneficiare del presente bando sono tutti coloro che si insediano in un’azienda agricola per la prima volta come:

  • titolare di un’impresa individuale;
  • rappresentate legale di una società agricola di capita, persone o di una cooperativa.

Per poter presentare domanda  i soggetti beneficiari devono:

  • avere un’età superiore a 18 anni e non superiore a 40 anni (41 anni non compiuti);
  • possedere adeguate qualifiche e competenze professionali comprovate dalla partecipazione con esito positivo al ciclo formativo previsto per i giovani agricoltori; tale requisito deve essere acquisito entro 36 mesi dalla data di concessione del sostegno. Il possesso di un titolo di studio in campo agrario dà diritto a crediti formativi;
  • aver iniziato l’insediamento per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda non più di 9 mesi prima della data di presentazione della domanda;
  • presentare un piano aziendale che garantisca redditività e sostenibilità finanziaria dell’investimento a regime e che assicuri la continuità dell’attività agricola;
  • essere titolare di un fascicolo aziendale SIAN validato, conformemente alle disposizioni stabilite da AGEA;
  • essere titolari di un’azienda agricola con una produzione standard (PS) minima pari a 10mila euro, o 8mila euro per le aziende ex-novo, e massima pari a 80mila euro;
  • in caso di insediamento in società di persone, la responsabilità per la gestione ordinaria e per quella straordinaria, quale risultante dal patto societario, dovrà essere in capo al/ai soci giovani agricoltori in modo tale che le decisioni del/dei giovani agricoltori non possano essere inficiate dalla rimanente componente societaria;
  • in caso di insediamento in società di capitali o cooperative, il/i giovani dovranno rivestire la qualifica di socio e un ruolo di responsabilità nella conduzione della stessa (ad es. amministratore delegato o membro del CdA) tale per cui le decisioni del/dei giovani agricoltori non possano essere inficiate dalla rimanente componente societaria;
  • aver ottenuto il punteggio minimo pari a 30 a seguito dell’applicazione dei criteri di selezione.

Se l’investimento è plurimo tali requisiti devono essere in possesso da ogni insediato.

Forma ed entità dell’agevolazione

L’aiuto per il primo insediamento dei giovani agricoltori viene denominato Premio di primo insediamento e viene concesso in forma di premio in conto capitale strutturato in questo modo:

  • premio base: 30mila euro;
  • premio per la costituzione ex-novo di un’impresa agricola: 35mila euro;
  • premio insediamento in zona ARPM(Aree Rurali Particolarmente Marginali) : 35mila euro;
  • in caso di soddisfazione contestuale delle condizioni b+c: 40mila euro.^

Tale sostegno viene erogato in due diverse rate da 50%: una all’avvio del piano e l’altra alla sua conclusione. L’erogazione del saldo è però subordinata alla verifica della realizzazione effettiva di tutti gli interventi previsti.

Lazio: bando per la concessione di terreni a giovani imprenditori agricoli

Arsial, l’agenzia regionale per lo sviluppo e dell’agricoltura nel Lazio, d’intesa con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione, ha pubblicato un bando mirato ad assegnare terre pubbliche a giovani agricoltori del territorio regionale. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di incoraggiare l’accesso ai giovani nel campo dell’imprenditoria agricola e rigenerare terreni che, altrimenti, sarebbero destinati ad essere incolti. È il primo bando di questo genere da 45 anni a questa parte. 

L’iniziativa è rivolta ad imprenditori agricoli o coltivatori diretti con sede sociale in uno dei comuni della regione Lazio. In particolare, verrà data maggiore priorità ai giovani imprenditori agricoli di età compresa tra i 18 e i 39 anniLa regione assegnerà 320 ettari di terreni di proprietà di ARSIAL, suddivisi in otto lotti siti nei comuni di Roma e Viterbo. I terreni saranno concessi in affitto per un periodo di 15 anni, con la possibilità di rinnovare l’accordo per altri quindici.

Inoltre, sono state previste la dilazione di pagamento dei primi tre canoni annui d’affitto, la costituzione di un fondo di € 150.000 da destinare al credito di conduzione e il concorso all’attivazione di un fondo di garanzia con un contributo di € 500.000, per il sostegno agli investimenti nelle aziende agricole che verranno costituite sui terreni oggetto del presente bando. Le domande di partecipazione dovranno essere inviate tramite posta raccomandata A/R entro il 4 maggio 2014. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web www.arsialweb.it.