Sardegna: contributi alle pmi agroalimentari per l’expo 2015

La Regione Sardegna intende favorire la partecipazione delle piccole e medie imprese sarde, del settore agroalimentare, all’Expo 2015 che si terrà dal 1° maggio al 31 ottobre del 2015 con l’erogazione di contributi per le spese sostenute. L’evento rappresenta un’occasione unica per dare visibilità sui mercati esteri alla tradizione alimentare sarda, viste anche le conseguenze positive in termini di qualità della vita e della longevità che caratterizza la regione. La finalità del bando è quella di sviluppare l’apertura internazionale del sistema produttivo regionale e potenziare la capacità di internazionalizzazione delle pmi, migliorando la capacità del sistema produttivo di internazionalizzazione delle imprese sarde.

Il beneficio è destinato alle Pmi che abbiano sede operativa in Sardegna, che siano iscritte al Registro Imprese della Camera di Commercio locale e in possesso di almeno un Bilancio approvato o di documentazione fiscale equivalente. Dovranno operare nel settore delle industrie alimentari o delle bevande, nella fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici, nella produzione di software, consulenza informatica e attività connesse, nelle attività di servizi di informazione e altri servizi informatici o nella ricerca scientifica e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze naturali e dell’ingegneria.

Le imprese con tali requisiti possono presentarsi anche in forma aggregata (compresi i contratti rete), in modo da razionalizzazione i costi, lo scambio e la condivisione di conoscenze. Tramite avviso pubblico saranno assegnati dei contributi a copertura parziale pari al 50% dei costi sostenuti, fino ad un massimo di 50 mila euro. Le spese ammissibili dovranno riguardare l’acquisto di servizi di consulenza o servizi necessari per l’effettiva partecipazione all’Expo 2015 o agli eventi collaterali, finalizzati a potenziare le capacità di internazionalizzazione delle imprese. Le domande di ammissione al contributo devono essere trasmesse, tramite PEC, fino alle 13 del 10 marzo 2015 e successivamente inviate in modalità cartacea entro 5 giorni dall’invio telematico. Qui è disponibile la modulistica necessaria.