Liguria: contributi a sostegno delle produzioni audiovisive con Sarabando

Genova Liguria Film Commission ha adato il via all’iniziativa “Sarabando” per la concessione di micro-contributi a sostegno delle produzioni audiovisive. L’obiettivo è quello di favorire la crescita delle imprese sul territorio che operano nel settore audiovisivo, attrarre micro e piccole produzioni sul territorio ligure e  favorire la qualificazione delle risorse professionali regionali tramite iniziative mirate di informazione e formazione. Non è richiesta la residenza o sede legale sul territorio ligure. Sarabando si articola in 2 call annuali (Winter Call & Summer Call) e sostiene lo sviluppo, la promozione e la realizzazione di ogni tipologia di video. I destinatari sono sia persone fisiche che enti giuridici (residenti in Liguria e non).

Possono accedere al contributo le associazioni, le imprese indipendenti e le persone Giuridiche di ogni ragione sociale, italiane, comunitarie ed extracomunitarie, esistenti e attive alla data di scadenza del bando, che svolgano la propria attività nel settore audiovisivo o multimediale, o che rientrino nei settori compresi nella definizione di impresa creativa stabilita nel Libro Verde dell’Unione Europea. A titolo esemplificativo, citiamo i settori di arte, musica, architettura, teatro, spettacolo dal vivo, cinema e video, pubblicità, computer e videogame, editoria, artigianato, software, design, tv e radio e moda. Sono altresì ammessi i professionisti e le persone fisiche del settore audiovisivo con comprovata esperienza nel settore audiovisivo.

L’ammontare complessivo delle risorse a disposizione per l’anno 2015 è di 30 mila euro. Il contributo per le opere di cui al punto 3 è concesso nella misura minima di 300 euro e massima di 3 mila euro, e non può in ogni caso superare l’80% del budget complessivo presentato dal soggetto proponente. Le spese sono da considerare a lordo di Iva solo nel caso il soggetto proponente dichiari di non recuperare l’Iva; qualora il proponente possa recuperarla, tutte le cifre in budget si ritengono a netto di Iva. Ai residenti in Liguria è richiesta una spesa sul territorio pari o superiore al 70% del contributo concesso. Ai non residenti in Liguria è richiesta una spesa sul territorio pari al 100% del contributo concesso.

Per partecipare c’è tempo fino alle ore 12.00 del 30 gennaio 2015.