In Calabria, Campania, Puglia e Sicilia contributi alle PMI che investono nell’innovazione

regioni-convergenza

Il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha approvato un nuovo bando che prevede contributi alle imprese del Sud per investire in innovazione e competitività. L’obiettivo è quello di potenziare la competitività dei sistemi produttivi, lo sviluppo tecnologico e la tutela ambientale nelle regioni “Convergenza”, ovvero in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Il bando è rivolto alle attività costituite da almeno due anni con sede in una delle regioni appena citate e iscritte nel Registro delle imprese.

Saranno finanziati programmi mirati all’acquisizione di immobilizzazioni materiali e immateriali tecnologicamente avanzate, che innalzino il livello di efficienza o di flessibilità nello svolgimento dell’attività economica oggetto del programma. In particolare, i progetti dovranno comprendere misure volte alla riduzione di costi, all’aumento della capacità produttiva e del livello qualitativo dei prodotti e dei processi, all’introduzione di nuovi prodotti o servizi, alla riduzione dell’impatto ambientale e al miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro.

I progetti devono prevedere una durata massima di 12 mesi e una spesa ammissibile dall‘importo compreso tra € 200.000 e € 3.000.000. Il bilancio stanziato per la concessione di incentivi ammonta a 150 milioni di euro. L’agevolazione verrà concessa sotto forma di sovvenzione rimborsabile nella misura del 75% delle spese ammissibili. L’impresa beneficiaria dovrà restituire in parte la sovvenzione in una percentuale stabilita in relazione alla sua dimensione, ovvero nella misura del 70% per le piccole imprese, dell’80% per le medie imprese e del 90% per le grandi imprese.

Le imprese potranno presentare domanda dalle 10.00 del 27 febbraio 2014. La valutazione sarà effettuata a sportello fino a esaurimento delle risorse disponibili. Per ulteriori informazioni, è possibile visionare il bando presente sul sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico, alla seguente pagina.

Chiara Di Giovannantonio