Garanzia Giovani: il progetto UE sul lavoro per gli under 29

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con la Commissione Europea, mette a disposizione fondi per implementare il piano “Garanzia Giovani” finalizzato ala lotta alla disoccupazione giovanile. Possono presentare domanda di partecipazione oltre che giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni e non impegnati in attività lavorativa o formativa, anche le imprese interessate ad assumere giovani lavoratori. L’obiettivo dell’iniziativa è favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di giovani disoccupati e non partecipanti ad attività formative. A disposizione del programma c’è un budget di 1.513 miliardi. Le risorse saranno attribuite quasi per intero alle Regioni, in funzione del numero di disoccupati giovani.

100 milioni verranno trattenuti dall’amministrazione centrale per il recuperare gli studenti che abbandonano anzitempo un corso di studi, riorientandoli ad altri corsi di istruzione o formazione o smistandoli nei servizi per il lavoro, e per portare avanti azioni di affiancamento e potenziamento dei servizi per il lavoro, in assistenza alle Regioni. Le aziende interessate ad assumere i lavoratori partecipanti al progetto beneficeranno di un contributo che varia da 1.500 euro per l’assunzione con contratto inferiore ai 12 mesi, fino ad un massimo di 6.000 euro per l’assunzione con contratto a tempo indeterminato. Per l’attività di tirocinio, il lavoratore beneficerà di un’indennità pari a 500 euro e comunque non superiore a 3.000 euro per il periodo di durata del tirocinio.

Programmi, iniziative, servizi informativi, percorsi personalizzati, incentivi: sono queste le misure previste a livello nazionale e regionale per offrire opportunità di orientamento, formazione e inserimento al lavoro. Le iniziative a sostegno dell’implementazione del progetto “Garanzia Giovani”, da realizzarsi in concerto con le Regioni, verranno realizzate nell’ambito dell’accoglienza, dell’orientamento, della formazione, dell’accompagnamento al lavoro, dell’apprendistato, dei tirocini, del servizio Civile, del sostegno all’auto imprenditorialità, della mobilità professionale all’interno del territorio nazionale o in Paesi Ue, dei bonus occupazionale per le imprese e della formazione a distanza. Per maggiori informazioni si rimanda alla consultazione del seguente link.