Europa: promuovere le politiche di cittadinanza con progetti nazionali e transnazionali

Nell’ambito del programma “Rights, Equality and Citizenship“, la Commissione Europea ha pubblicato un bando finalizzato al sostegno di progetti nazionali e transnazionali per agevolare l’esercizio dei diritti derivanti dalla cittadinanza europea. Il bando è rivolto a tutti gli enti con personalità giuridica stabiliti in uno dei paesi europei e in Islanda. Sono considerate ammissibili le attività incentrate su due priorità specifiche, la prima volta ad aumentare la consapevolezza e migliorare la conoscenza delle norme comunitarie sulla libera circolazione e la seconda a favorire l’inclusione e la partecipazione dei cittadini mobili dell’Unione Europea alla vita civile e politica del paese europeo di accoglienza.

Sono considerate ammissibili al finanziamento le attività volte a: a) migliorare le conoscenze e le competenze degli enti locali, regionali e nazionali sulle norme comunitarie in materia di libera circolazione in particolare sulla direttiva CE 2004/38; b) aumentare la consapevolezza dei cittadini sul loro diritto alla libera circolazione e sulla loro capacità di far valere i propri diritti; c) sviluppare, identificare e promuovere lo scambio e la diffusione delle migliori pratiche attuate nell’Unione Europea a livello locale, regionale e nazionale per facilitare il processo di inclusione della partecipazione attiva dei cittadini mobili dell’Unione Europea alla vita civile e politica del paese che lo ospita.

In quest’ultimo caso costituiscono un esempio gli sportelli informativi “one-stop-shop” o la promozione della partecipazione dei cittadini europei provenienti da altri stati alle elezioni locali. Il budget complessivo disponibile per il bando è pari a un milione e 500 mila euro. Le proposte selezionate possono richiedere un finanziamento dall’importo minimo di 75 mila euro, e comunque non superiore all’80% dei costi progettuali. Le domande di partecipazione dovranno essere inviate attraverso il sistema informatico “Priamos” entro il 4 febbraio 2015 alle ore 12. Per ulteriori informazioni è possibile consultare tutta la modulistica e il bando completo accedendo al sito web ufficiale del programma europeo.