strumenti informatici

Contributo a fondo perduto per l’acquisto di strumenti informatici per gli studi legali della Sicilia

Gli strumenti informatici hanno acquisito nel corso degli ultimi anni un ruolo strategico fondamentale e imprescindibile per poter continuare ad operare nel proprio settore di competenze. Nel prossimo futuro questi strumenti e la tecnologia ad essa annessa sarà sempre più performante e necessaria per poter svolgere le attività lavorative. Ecco dunque l’opportunità offerta da questo bando, con un contributo a fondo perduto fino al 50%, per l’acquisto di strumenti informatici per gli studi legali italiani.

Area Geografica: Italia
Scadenza: 16/01/2018
Beneficiari: Micro Impresa, Persona Fisica
Settore: Servizi/No Profit
Spese finanziate: Innovazione, Ricerca e Sviluppo
Agevolazioni: Contributo a fondo perduto
Dotazione Finanziaria: 3.000.000€

Descrizione del bando

Il presente bando è indetto dalla Casa Forense per l’assegnazione di contributi, con uno stanziamento di 3.000.000€ per l’acquisto di strumenti informatici nuovi per gli studi legali.

Chi può beneficiare del contributo

I soggetti beneficiari del presente bando con il contributo per l’acquisto di strumenti informatici devono essere avvocati che siano iscritti alla Cassa Forense e che siano in possesso dei seguenti requisit:

  • essere in regola con le prescritte comunicazioni reddituali alla Cassa;
  • avere dichiarato nel Mod.5/2017 un reddito professionale inferiore a € 40.000,00.

Tipologia di spese ammissibili

Sono rimborsate le spese sostenute per l’acquisto di questi strumenti informatici, al massimo uno per ogni tipologia:

  • computer;
  • monitor;
  • stampante;
  • scanner;
  • fax;
  • tablet;
  • fotocopiatrice, anche multifunzione;
  • licenze software per la gestione degli studi legali;
  • strumenti per la conservazione e protezione dei dati dello studio.

Forma ed entità dell’agevolazione

L’agevolazione prevista nel seguente bando per l’acquisto di strumenti informatici per gli studi legali prevede un contributo del 50% della spesa sostenuta, una tantum, non inferiore a 300€ (al netto dell’IVA) per gli acquisti effettuati nel 2016 e nel 2017. Il presente contributo non può superare i 1.500€.