ristrutturazione degli impianti sportivi

Contributo a fondo perduto per la ristrutturazione degli impianti sportivi del Lazio

Lo sport può essere una grande risorsa, sia a livello educativo, ma anche come investimento, pubblico e privato, trattandosi di un settore che, seppur molto variegato, attrae sempre molti interessi, anche tra i più giovani.

Uno dei problemi però più diffuso, in maniera piuttosto diffusa su tutto il territorio nazionale, è la condizione degli impianti sportivi, spesso fatiscenti o, nella migliore delle ipotesi, i cui ultimi lavori di manutenzione sono fermi a qualche anno o addirittura decennio fa, con tutto quel che ne consegue in termini propriamente sportivi, ma soprattutto di sicurezza.

Con la pubblicazione dell’avviso pubblico SPORT IN/E MOVIMENTO è stato stanziato un contributo a fondo perduto fino al 100% per gli interventi di ristrutturazione degli impianti sportivi.

Area Geografica: Lazio
Scadenza: 06/01/2018
Beneficiari: Onlus/Associazioni/Consorzi, Ente pubblico
Settore: Servizi/No Profit, Pubblico
Spese finanziate: Consulenze/Servizi, Opere edili e impianti
Agevolazioni: Contributo a fondo perduto
Dotazione Finanziaria: 6.500.000€

Descrizione del bando

Il presente bando, rivolto agli enti pubblici e alle rispettive articolazioni amministrative, mette a disposizione un contributo a fondo perduto fino al 100%, per una dotazione finanziaria di 6.500.000€, per la ristrutturazione degli impianti sportivi siti all’interno della Regione Lazio.

Chi può beneficiare del contributo

Possono presentare richiesta per ottenere il contributo per la ristrutturazione degli impianti sportivi i gestori e i proprietari dei seguenti enti e istituti senza scopo di lucro:

  • enti locali e le loro articolazioni amministrative;
  • enti ecclesiastici civilmente riconosciuti (oratori);
  • istituti penitenziari;
  • associazioni dilettantistiche sportive.

Spese ammissibili

Sono concessi i contributi in conto capitale per gli interventi di ristrutturazione degli impianti sportivi già esistenti e appartenenti a queste tipologie:

  • riqualificazione;
  • riconversione;
  • ammodernamento;
  • completamento impianti in disuso;
  • adeguamento tecnologico;
  • contenimento consumi energetici;
  • adeguamento alla normativa sulla sicurezza;
  • messa in sicurezza dell’impianto;
  • abbattimento delle barriere architettoniche.

Forma ed entità dell’agevolazione

Il contributo regionale per la ristrutturazione degli impianti sportivi attribuibile ad ogni beneficiario è fino all’80% dell’importo complessivo del singolo progetto ammesso, come contributo fino a un tetto massimo di 50.000.00€. Per i comuni con una popolazione inferiore ai cinquemila abitanti, per i finanziamenti fino a 100.000.00€ non è prevista alcuna quota di compartecipazione.