Fano: aperte le iscrizioni al corso di formazione in imprenditoria

Aperte le iscrizioni al corso di Formazione IMPRENDITORIA finanziato dalla Provincia di Pesaro e Urbino. Il progetto nasce con l’obiettivo di formare 18 aspiranti imprenditorie dare una risposta al problema dell’occupazione giovanile sostenendo fattivamente l’autoimpiego e l’imprenditorialità. Il corso, completamente gratuito, è rivolto a disoccupati o inoccupatilavoratori autonomineo partite IVA, tutti regolarmente iscritti al Centro per l’impiego del territorio di competenza, in possesso di Diploma di Istituto Secondario di II grado o Laurea. È previsto il rilascio di un attestato di frequenza e sarà strutturato in 3 moduli: Creatività, Modelli Collaborativi e Intelligenza Collettiva, Information Literacy e Comunicare nella rete e Valore e sostenibilità economica del progetto.

Il partecipante dovr assimilare una serie di competenze al fine di: condividere risorse e lavorare in maniera collaborativa; individuare fabbisogni, necessit, problemi, in una visione sinergica, per essere in grado di raggiungere traguardi individuali e collettivi ambiziosi; utilizzare linguaggi innovativi, categorie mentali e nuove modalit di comunicazione per gestire i processi creativi alla base di prodotti e servizi; fare ricerca di informazione, comunicazione attraverso i nuovi canali del web e nuovi media; ideare il proprio modello di business; conoscere canali e modalità di finanziamento per il proprio progetto di impresa, per lanciare nuovi prodotti, finanziare progetti culturali o sociali ; apprendimento sperimentale, realizzato in uno spazio di lavoro condiviso.

La domanda di iscrizione dovrà essere inoltrata entro e non oltre il 20 febbraio 2015 al Centro per l’Impiego, l’Orientamento e la Formazione di Fano, Via de Cuppis,2 – 61032 Fano, rispettando le seguenti modalità: brevi manu presso il CIOF di Fano, per lettera raccomandata, entro e non oltre il 20/02/2015 (far fede la data del timbro postale) specificando la denominazione esatta del corso ed il numero del progetto (n. 189335), oppure on-line sul sito www.provincialavoro.it previa registrazione nellàarea candidati. Per la presentazione delle domande dovranno essere utilizzati gli appositi moduli disponibili presso la sede del C.I.O.F. o scaricabili dal sito www.provincialavoro.it. Per ulteriori informazioni è possibile leggere il bando completo.

Marche: un progetto europeo per l’efficienza energetica delle pmi

Check-up gratuito e servizi per migliorare l’efficienza energetica delle imprese marchigiane, con risparmio sui costi e sostegno alla competitività. Sono alcune delle opportunità che Unioncamere Marche mette in campo con il progetto STEEEP (Support and training for an Excellent Energy Efficiency Performance”) approvato nell’ambito del programma comunitario “Intelligent Energy for Europe”, che si pone l’obiettivo di offrire alle micro, piccole e medie imprese una serie di strumenti per la valutazione e il miglioramento dell’efficienza energetica. All’iniziativa possono partecipare le pmi, con sede operativa nelle Marche, appartenenti alle categorie dell’industria, dei servizi e del commercio.

Le pmi che aderiscono al progetto non sono vincolate ad effettuare investimenti ma devono impegnarsi a confrontarsi con gli esperti di Unioncamere e fornire informazioni dettagliate per la definizione dei percorsi di efficientamento energetico più adeguati alla propria struttura. Il progetto, di durata triennale, prevede un partenariato europeo composto da 11 paesi sotto la guida di Eurochambres. Per l’Italia il partner è Unioncamere nazionale che coordina un gruppo di lavoro composto da 7 Unioni regionali, tra cui Unioncamere Marche. Il progetto prevede un primo coinvolgimento di 13 pmi con l’obiettivo di raggiungere un efficientamento energetico tra il 10 e il 15 per cento, attraverso la misurazione, la gestione, la pianificazione e il monitoraggio del consumo energetico.

Le imprese selezionate avranno la possibilità di usufruire di un check up energetico gratuito che permetterà di verificare la gestione energetica della propria impresa e definire le misure di efficientamento, di ricevere un supporto nell’implementazione delle misure di risparmio e partecipare gratuitamente ad iniziative formative in tema di efficienza energetica. Le domande di partecipazione saranno accolte fino ad esaurimento dei tredici posti disponibili. La richiesta potrà essere presentata inviando la scheda di partecipazione compilata all’indirizzo unimarche@tin.it entro il 3 settembre 2014. Per ulteriori informazioni, è possibile leggere l’avviso completo presente  sul sito www.unioncameremarche.it.

 

Ancona: il concorso “Impronta d’impresa innovativa” per imprese femminili

La Camera di Commercio di Ancona, in collaborazione con il Comitato per la promozione dell’Imprenditoria Femminile,  dà il via all’edizione 2014 del concorso “Impronta d’impresa innovativa” finalizzato a favorire e sostenere, attraverso l’assegnazione di premi in denaro, lo sviluppo e l’innovazione delle imprese femminili locali. Possono iscriversi al concorso le imprese femminili aventi sede legale e operativa nel territorio provinciale, iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio di Ancona, attive nei vari settori economici.  Sono escluse le imprese femminili che abbiano già beneficiato dei premi in denaro nelle precedenti edizioni dei Bandi promossi dal Comitato Imprenditoria Femminile di Ancona e le imprese beneficiarie di altri contributi camerali nei due anni precedenti.

Saranno premiate le imprese femminili che si sono distinte per aver sviluppato progetti aziendali innovativi nei settori di appartenenza.
Nello specifico si individuano tre categorie: n
ew made in Italy, un premio dedicato alle nuove tecnologie, processi, strumenti e settori del Made in Italy; impresa connettiva, un riconoscimento per la migliore innovazione d’impresa con un valore “connettivo”;  impresa ecosistema di innovazione, un premio alla migliore innovazione nei servizi alle imprese e alla persona. L’esame delle domande sarà effettuato dalla Commissione Giudicatrice costituita dal Comitato Imprenditoria Femminile e dal Segretario Generale o suo delegato della Camera di Commercio di Ancona che, con decisione insindacabile, procederà alla redazione delle graduatorie, una per ciascuna categoria di premio. Le imprese premiate riceveranno una somma di denaro di € 5.000.

La domanda va redatta in carta semplice utilizzando l’apposito modulo di partecipazione, corredato dalla scheda sintetica e dalla scheda imprenditoriale, unitamente ad un documento di identità valido. Il modulo è disponibile online sul sito della Camera di Commercio di Ancona, nella sezione Sviluppo Impresa/Imprenditoria femminile. La documentazione elencata nel presente articolo dovrà essere inviata entro il 12 settembre 2014 tramite raccomandata A.R. al seguente indirizzo: “Camera di Commercio di Ancona, Segreteria Comitato Imprenditoria Femminile, Piazza XXIV Maggio, 1 – 60124 Ancona”. In alternativa, potrà essere inviata per posta elettronica certificata, inviando un unico file formato PDF, all’indirizzo cciaa@an.legalmail.camcom.it

Marche: contributi alle piccole imprese commerciali del settore non alimentare

La Regione Marche ha pubblicato il nuovo bando regionale riservato alle piccole imprese del commercio in sede fissa del settore non alimentare, che mette a disposizione contributi per la ristrutturazione, l’acquisto di arredi e attrezzature oltre che per l’acquisto di merci inerenti l’attività di vendita. L’iniziativa è rivolta alle piccole imprese, singole o associate, del commercio al dettaglio in sede fissa del settore non alimentare attive da più di cinque anni nella stessa unità locale a partire dalla data di scadenza del bando.

Sono ammessi a finanziamento gli interventi relativi ai locali adibiti o da adibire ad attività commerciali e al deposito delle merci che hanno come oggetto: la ristrutturazione, la manutenzione straordinaria, l’ampliamento dei locali adibiti o da adibire ad attività commerciali; gli arredi, le attrezzature fisse, mobili, elettroniche ed informatiche strettamente funzionali all’attività; infine, l’acquisto merci inerenti l’attività di vendita dell’esercizio commerciale del settore non alimentare per un valore massimo di € 40.000 iva esclusa.

Il contributo regionale concesso è pari al 15% della spesa riconosciuta ammissibile per un massimo pari a € 50.000 (iva esclusa). Le spese per acquisto merci inerenti l’attività di vendita dell’esercizio commerciale settore non alimentare per un valore massimo di € 40.000.00 (iva esclusa) sono accoglibili a condizione che sia effettuato anche un investimento pari o superiore a € 8.000. Sono ammessi a finanziamento i progetti ancora da realizzare o già realizzati a far data dal 1 luglio 2013.

Il bando prevede numerose priorità fra le quali: età dei titolari e soci, fatturato, esercizi ubicati nei centri storici, lavori già completati o acquisti già effettuati, non avere percepito contributi pubblici, imprenditoria femminile,ecc. La domanda per la richiesta delle agevolazioni deve essere spedita con lettera A/R o P.E.C. ai Centri di Assistenza Tecnica della Regione Marche, allegando la documentazione prevista, entro e non oltre il 31 luglio 2014. Per ulteriori informazioni., è possibile consultare i siti www.regione.marche.it e www.commercio.marche.it alla voce bandi.

Marche: parte l’intervento “Giovanidee”

La regione Marche ha pubblicato un nuovo bando denominato “giovanidee” in riferimento al progetto regionale “I giovani C’ENTRANO” regionale per le politiche giovanili, volto a promuovere l’avvio di nuove imprese attraverso la concessione di un finanziamento a fondo perduto al fine di sostenere lo sviluppo socio-economico del territorio. L’obiettivo principale è proprio quello di favorire la creazione di nuove imprese nella regione da parte di giovani marchigiani. I progetti devono essere presentati da giovani nella fascia di età compresa tra i 18 e i 35 anni, residenti nella regione Marche alla data di presentazione della domanda, organizzati in gruppi informali composti da almeno 2 persone.

Il progetto intende supportare la sperimentazione e la realizzazione di idee d’impresa nel settore dei servizi turistici, con attività e servizi volti allo sviluppo integrato dell’offerta locale in coerenza con gli ambiti di programmazione delle politiche regionali. Tali misure possono svilupparsi anche attraverso l’erogazione di servizi di informazione, comunicazione e marketing. Il contributo concesso sarà impiegato per coprire i costi di costituzione, fideiussione, consulenze tecniche, di personale, l’acquisto di beni, l’affitto di immobili e le spese promozionali. Le spese sostenute dal beneficiario dovranno essere giustificate attraverso copia delle fatture e dei giustificativi di spesa fiscalmente validi, regolarmente quietanzati. 

Per la realizzazione dell’ intervento “giovanidee”  è stanziato un importo complessivo pari ad € 271.560 nell’ambito delle risorse finanziarie disponibili per l’attuazione dell’accordo “i giovani C’ENTRANO” siglato tra la Regione Marche e il Dipartimento della Gioventù e del cofinanziamento regionale previsto nel Bilancio 2014. Il contributo massimo concedibile per ciascuna proposta di idea progettuale è di € 10.000 a fondo perduto. Le domande di partecipazione devono essere inviate tramite raccomandata A/R o posta elettronica certificata entro il 2 giugno 2014. Per maggiori informazioni, potete cliccare sul seguente link e leggere i relativi bandi e la modulistica specifica.

Fino al 30 giugno c’è la possibilità di richiedere anche un prestito d’onore nell’ambito del progetto regionale “I giovani C’ENTRANO”.

Marche: agevolazioni per progetti sperimentali alle imprese innovative

team-work-small

Con la L.R. 5/2003 – Art. 4, la Regione Marche ha pubblicato un bando per la concessione di contributi alle imprese che investono in innovazione. I contributi sono concessi in favore degli investimenti nelle seguenti modalità: la prima in contributi in conto capitale in relazione ad investimenti innovativi; la seconda in contributi per l’attuazione di progetti sperimentali volti a sostenere iniziative di aggregazione tra cooperative, programmi di internazionalizzazione, sviluppo di nuove forme di cooperazione tra utenti nei settori delle telecomunicazioni, dell’energia e del gas.

Sono ammissibili a contributo in conto capitale gli investimenti innovativi e sperimentali connessi alle seguenti tipologie di innovazione: innovazione di prodotto/servizio; innovazione organizzativa e/o di processo compresi i processi di aggregazione; incremento della sicurezza dell’ambiente di lavoro; innovazione commerciale e internazionalizzazione. Per le sole cooperative sociali di tipo b sono ammissibili oltre alle altre spese sopra elencate, anche gli acquisto di attrezzature e macchinari con un basso grado di innovatività. Per gli interventi di certificazione sono ammesse esclusivamente le spese relative alla prima certificazione dell’azienda o di singole attività aziendali.

Le consulenze ed i servizi prestati da società collegate o le prestazioni di personale interno coinvolto nell’attività sono riconosciuti ma non possono essere ammessi per una quota superiore al 10 % del costo del progetto. I costi per studi e consulenze ammissibili non possono risultare superiori al 5% del totale dei costi di produzione risultanti dall’ultimo bilancio depositato. I beneficiari del presente intervento sono le cooperative ed i loro consorzi operanti nella Regione Marche, che operino in qualsiasi settore ad eccezione di quelli esclusi dal regime de minimis. Sarà possibile presentare domanda entro il 18 Aprile 2014.  La valutazione avverrà a sportello fino ad esaurimento fondi disponibili.

Marche: prestito d’onore per giovani imprenditori

Geldscheinbündel mit Geschenkband

Prende il via il bando della Regione Marche relativo all’intervento “Prestito d’onore giovani”, che rientra nell’accordo “I giovani c’entrano”. L’obiettivo specifico dell’iniziativa è quello di fornire un ulteriore strumento, esclusivamente a favore dei giovani marchigiani per promuovere l’avvio di nuove imprese. Ciò attraverso la concessione di un contributo, a fondo perduto, aggiuntivo al finanziamento agevolato concesso dalla Banca delle Marche S.p.A con l’iniziativa “Prestito d’Onore regionale”.

Possono aderire all’iniziativa le imprese neocostituite composte per almeno 2/3 da giovani di età compresa nella fascia 18-35 anni, nel caso di società composte da almeno tre soci. Le suddette imprese devono avere sede nel territorio della Regione Marche e operare nel settore dello sviluppo di servizi di natura turistica, commerciale e artigianale, dell’erogazione di servizi di informazione e comunicazione (audiovisivi, editoria, web e comunicazione) o della valorizzazione del territorio.

Lo stanziamento previsto complessivo disponibile ammonta a € 200.000 nell’ambito delle risorse finanziarie disponibili per l’attuazione dell’accordo “i giovani C’entrano” siglato tra la Regione Marche e il Dipartimento della Gioventù. L’intervento prevede la concessione di contributi a fondo perduto di € 7.000 per le imprese individuali e le società con meno di tre soci e di € 5.000 per le società con almeno tre soci. Il contributo è soggetto ad una ritenuta del 4%. Le domande di partecipazione vanno inviate tramite consegna a mano oppure a mezzo posta raccomandata A.R entro il 30 giugno 2014.

Marche: contributi per le PMI in transizione generazionale

091213_bXa8c

Con il decreto n. 81/IAF del 20/12/2013, la regione Marche ha approvato l’iniziativa “Ricambio generazionale” per finanziare progetti integrati di sviluppo delle imprese in transizione generazionale, con l’obiettivo di garantirne la continuità attraverso operazioni di trasferimento della proprietà e della conduzione aziendale sia verso eredi, successori o dipendenti, sia verso acquirenti esterni.

Possono partecipare al bando micro, piccole e medie imprese industriali, artigiane e di servizi alla produzione, con sede legale e operativa nella Regione Marche, in cui l’imprenditore che cede la titoliarità d’impresa abbia già compiuto 65 anni al momento della presentazione della domanda. Le imprese devono altresì risultare disponibili ad assumere un manager temporaneo per un periodo che va dai 12 ai 24 mesi e a sostenere parte dei costi.

I piani di sviluppo da presentare dovranno essere articolati in una o più misure riguardanti attività di formazione di eredi e successori attraverso voucher informativi, investimenti materiali o immateriali funzionali all’attuazione del piano di sviluppo, servizi di consulenza specialistica funzionali all’attuazione del piano di sviluppo e sostegno finanziario all’operazione di trasferimento. Inoltre, ogni progetto dovrà prevedere una durata massima di 24 mesi.

La procedura di selezione dei progetti sarà valutativa a sportello, per questo le domande di agevolazione saranno considerate valutate secondo una griglia di criteri con cui verranno giudicate qualità ed efficacia progettuale secondo l’ordine cronologico di arrivo. La presentazione delle candidature deve avvenire in modalità digitale via posta elettronica certificata a partire dal 3 marzo 2013, sino a quando i progetti ammessi a finanziamento abbiano esaurito i fondi disponibili.

Per ulteriori informazioni potete consultare il bando completo seguendo questo link.