Milano: buone pratiche per la sicurezza alimentare per l’Expo 2015

bando-expo-2015

Nell’ambito dell’Expo 2015 di Milano, è stato pubblicato un bando internazionale mirato a identificare, diffondere e favorire buone pratiche per lo sviluppo sostenibile e la sicurezza alimentare. Possono partecipare all’iniziativa enti e autorità locali, agenzie pubbliche e loro associazioni, organizzazioni intergovernative ed agenzie internazionali, organizzazioni, reti, ONG, associazioni e fondazioni, micro, piccole, medie e grandi imprese, enti di ricerca ed organismi accademici e partnership pubblico-private.

I progetti dovranno comprendere attività rientranti nella gestione delle risorse naturali, nel miglioramento della qualità dei prodotti alimentari, nelle dinamiche socio-economiche e mercati globali, nello sviluppo delle comunità rurali e nei modelli di consumo sostenibile. I progetti promossi verranno pubblicati nella piattaforma web di Feeding Knowledge. La proposta inviata dai candidati ammissibili sarà sottoposta inizialmente a una verifica di ammissione.

Nel sito espositivo verrà data visibilità a tutte le BSDP sulla sicurezza alimentare, ammesse a partecipare. Le 15 best practices selezionate in numero di tre per ogni ambito, invece, beneficeranno di spazi ed installazioni dedicate nel Padiglione Zero, l’organizzazione di convegni e workshop, la realizzazione di materiali e strumenti di promozione e l’archiviazione nella piattaforma del programma Feeding Knowledge.

Le candidature dovranno essere inviate attraverso il modulo di adesione online, disponibile all’indirizzo www.feedingknowledge.net, entro il 30 aprile 2014. L’Application Form dovrà essere compilata dal Lead Applicant, una sola volta, perché molteplici invii della stessa proposta da parte di due o più candidati comporteranno l’esclusione della stessa.

Milano: bando per le nuove imprese a sviluppare prodotti e servizi innovativi

innovazione-prodotti

La Camera di Commercio di Milano ha emanato un nuovo bando con l’obiettivo di sostenere le imprese recentemente costituite nel loro percorso di sviluppo, attraverso la creazione di prodotti e servizi innovativi. Possono aderire tutte le micro, piccole e medie imprese – sotto forma di società di capitali – che abbiano sede legale o operativa in provincia di Milano, ma che risultino costituite da non più di 48 mesi dal 22 ottobre 2013, data di apertura del bando. L’importo complessivo stanziato per l’iniziativa ammonta a € 1.800.000.

Il contributo potrà essere impiegato per finanziare la locazione di spazi commerciali, servizi di promozione e di comunicazione e pubblicità, la creazione e adozione di tecnologie e contenuti digitali, le consulenze tecniche e assistenza tecnico-specialistica, così come lo sviluppo e la prototipazione. Saranno considerate spese ammissibili l’acquisto di brevetti e licenze, di tecnologie, impianti ed attrezzature a risparmio energetico o generici.

Anche l’ inserimento in azienda di giovani designer con età inferiore ai 35 anni e di sviluppatori informatici in possesso di un diploma di laurea triennale rientrerà nelle voci previste. In ogni caso l‘investimento minimo ammissibile deve essere di almeno 10 mila euro e gli interventi ritenuti ammissibili saranno quelli che avranno avuto luogo a partire dal 23 settembre 2013, data di pubblicazione del seguente bando.  Il contributo a fondo perduto erogabile sarà pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 20 mila euro.

Le richieste dovranno pervenire solo mediante via telematica non oltre le ore 12.00 del 20 dicembre 2013. Ogni impresa potrà presentare una sola richiesta di contributo, che verrà assegnato sulla base dell’ordine cronologico di presentazione delle domande. Per ulteriori informazioni potete visitare la pagina della Camera di Commercio di Milano dedicata al bando, che trovate seguendo questo link.

In Lombardia incentivi alle imprese culturali e creative per la mobilità transnazionale

La Regione Lombardia ha lanciato un nuovo bando per promuovere lo sviluppo di competenze manageriali e professionali di imprenditori, lavoratori e liberi professionisti  attraverso percorsi di mobilità in altri paesi europei. L’obiettivo è quello di conseguire nuove conoscenze sullo sviluppo di innovazioni di processo, di servizi o di prodotto e l’internazionalizzazione degli stessi a vantaggio del settore creativo e culturale. I fondi stanziati  ammontano ad un totale di € 1.128.650, mentre il cofinanziamento massimo concedibile per ciascun progetto sarà di 150 mila euro.

[double_paragraph][first] AREA GEOGRAFICA: Lombardia
SETTORI DI ATTIVITÀ: Cultura
BENEFICIARI: Associazioni/Onlus/Consorzi, PMI, Micro Impresa
SPESE FINANZIATE: Promozione/Export
TIPO DI AGEVOLAZIONE: Contributo a fondo perduto
DOTAZIONE FINANZIARIA: € 1.128.650
SCADENZA: 09/01/2014 [/first][second]trasnazionale[/second] [/double_paragraph]

Possono aderire all’iniziativa le piccole e le micro imprese, le fondazioni e le associazioni culturali e creative iscritte al REA – sia in forma singola che associata – e gli incubatori, i centri di co-working e i gestori di residenze per artisti. Nella stesura del progetto, bisognerà dare la priorità ad alcuni obiettivi specifici. Questi sono, nel dettaglio, lo sviluppo di prodotti e servizi che incrementino l’attrattiva del patrimonio culturale e del territorio, oppure per l’audio-visione, il cinema, l’editoria e lo spettacolo dal vivo o, ancora, nel campo manifatturiero lombardo, mediante il matching con il settore creativo e culturale.

I progetti da presentare dovranno essere incentrati sullo svolgimento di stage professionalizzanti in un paese dell’Unione Europea di durata variabile da uno a tre mesi. Le aree previste sono diverse. Si passa dal settore delle arti visive e dello spettacolo dal vivo a quello della promozione del patrimonio culturale, con il coinvolgimento di musei, archivi, aree archeologiche, biblioteche e complessi monumentali. Sono comprese le imprese culturali, che si occupano di editoria – multimediale o tradizionale -, di musica, radio, televisione, cinema o videogiochi. Anche le imprese creative possono essere coinvolte, purché si muovano nel campo del design e della pubblicità. Infine, sono ammessi anche percorsi all’interno di imprese che elaborano contenuti digitali trasversali a tutti i settori sopra menzionati.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro il 9 gennaio 2014 esclusivamente attraverso il sistema informatico, pena l’inammissibilità della richiesta. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito della Regione Lombardia, alla seguente pagina.