percorsi formativi

Contributo a fondo perduto per percorsi formativi per i giovani NEET del Friuli Venezia Giulia

Uno degli aspetti più critici del settore lavorativo italiano è quello dei cosiddetti giovani NEET, ovvero i giovani che non sono impegnati nè nel lavoro, né nello studio, né nella formazione. Per i giovani del Friuli Venezia Giulia appartenenti a questa categoria è stato attivato un contributo a fondo perduto per l’avvio di percorsi formativi.

Area Geografica: Friuli Venezia Giulia
Scadenza: 31/12/2018
Beneficiari: Associazioni/Consorzi/Onlus, PMI, Ente pubblico, Micro Impresa
Settore: Servizi/No Profit, Pubblico
Spese finanziate: Servizi/Consulenze
Agevolazioni: Contributo a fondo perduto
Dotazione Finanziaria: 3.000.000€

Descrizione del bando

Questo bando AttivaGiovani mira a realizzare percorsi formativi e di tutoraggio per la valorizzazione di contesti, culturali, economici e sociali locali che consentano ai giovani NEET di migliorare e potenziare le proprie capacità.

Chi può beneficiare del contributo

Per questo bando possono presentare domanda per avviare percorsi formativi per i giovani NEET una rete costituita dai seguenti soggetti:

  • un soggetto pubblico o privato senza scopo di lucro e avente tra i propri fini statutari la formazione professionale
  • uno o più soggetti del terzo settore;
  • uno o più Enti Locali o una Unione Territoriale Intercomunale (UTI).

In questa rete possono far parte anche le imprese che possono contribuire a raggiungere gli obiettivi e le finalità previste dal presente Avviso e rafforzare in questo modo la collaborazione con il tessuto produttivo.

Progetti ammissibili

Ogni operazione per l’avvio dei percorsi formativi per i giovani NEET deve essere composta da tre progetti. Il progetto A si riferisce alla realizzazione di una formazione di tipo esperenziale, mentre i progetti B e C servono a supportare il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto A, tramite l’erogazione di un’indennità di partecipazione, con la realizzazione di un’attività di sostegno pedagogico e tutoraggio.

personale manageriale qualificato

Contributo a fondo perduto per l’assunzione di personale manageriale qualificato in Friuli Venezia Giulia

Ciò che contribuisce al successo, ma anche solo al mantenimento, di un’azienda, non sono solo le risorse economiche, ma anche – e per certi aspetti soprattutto – il personale manageriale qualificato che sappia operare con interventi mirati, permettendo alla società per cui operano di lavorare in maniera sana e ottimizzare tutti i processi. Le risorse economiche sono certamente fondamentali, ma queste senza una guida efficiente e competente rischiano di essere solamente uno spreco o un palliativo di breve durata.

Per questo motivo per le società di gestione degli alberghi del Friuli Venezia Giulia sono stati erogati degli incentivi per l’assunzione di personale manageriale qualificato.

Area Geografica: Friuli Venezia Giulia
Scadenza: 20/11/2017
Beneficiari: Grande Impresa, Micro Impresa, PMI
Settore: Servizi/No Profit, Turismo
Spese finanziate: Consulenze/Servizi
Agevolazioni: Contributo a fondo perduto

Descrizione del bando

Il bando in questione mira a erogare incentivi e fornire adeguato supporto per il sostegno delle capacità manageriali di tutte quelle società di gestione che operano nel settore turistico-alberghiero della regione Friuli Venezia Giulia.

Chi può beneficiare del contributo

I soggetti beneficiari del presente bando per l’assunzione di personale manageriale qualificato devono essere in possesso dei requisiti seguenti:

  • iscrizione al Registro delle imprese presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura competente per territorio;
  • sede legale o unità operativa nel territorio regionale;
  • non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali, quali fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo, amministrazione controllata o straordinaria;
  • essere effettivamente operative.

Spese ammissibili

Le spese ammissibili nel bando per l’assunzione di personale manageriale qualificato sono:

  • acquisizione di servizi di consulenza manageriale – Servizi di consulenza finalizzati alla definizione degli obiettivi e delle strategie aziendali, delle azioni gestionali, di supporto dell’impresa nel superamento delle situazioni di cambiamento connesse a fasi di sviluppo, a fasi di transizione, quali processi di successione nella gestione dell’impresa e a fasi di riorganizzazione economico-finanziaria;
  • assunzione per il primo periodo di attività, nel limite massimo di 24 mesi, di personale manageriale altamente qualificato – Personale qualificato che opera, anche a livello di direzione generale, assumendo la responsabilità dei risultati contrattualmente definiti, svolgendo azioni volte al rafforzamento dell’impresa, anche attraverso l’affiancamento e l’accompagnamento dell’impresa, il trasferimento di buone pratiche e tecniche amministrative e gestionali, la riorganizzazione aziendale, il controllo di gestione; affianca l’azienda nel processo di crescita attraverso un’analisi diversificata delle varie aree di business e tramite l’apertura di nuovi mercati, il riposizionamento competitivo, la differenziazione, la valorizzazione dei punti di forza, il reengineering dei processi aziendali, lo sviluppo di nuove politiche di gestione delle risorse umane, di marketing e finanziarie con l’obiettivo di orientare scelte che possono comportare la revisione della business idea, la diversificazione delle attività aziendali, le alleanze strategiche e le partnership di scopo, la ristrutturazione organizzativa e gestionale, la ricerca dell’efficienza e i processi di riconversione aziendale.

Forma ed entità dell’agevolazione

L’incentivo per l’assunzione di personale manageriale qualificato è pari, al massimo, al 50% della spesa tra quelle ammissibili, per un minimo di 5.000.00€ e un massimo di 50.000.00€ (per l’acquisizione di servizi di consulenza manageriale) o di 70.000.00€ (per l’assunzione per il primo periodo di attività per un periodo non superiore ai 24 mesi).

Contributo tutela e la conservazione dell’ambiente

Contributo fino al 100% per la tutela e la conservazione dell’ambiente in Friuli

Mai come in questo periodo storico la tutela e la conservazione dell’ambiente sia un’esigenza particolarmente sentita e altrettanto urgente, date le complesse dinamiche che stanno segnando questo settore. Entro il 23 gennaio del 2018 singoli agricoltori, enti pubblici territoriali, gestori del territorio (sia pubblici che privati) potranno richiedere un contributo a fondo perduto fino al 100% per “Investimenti non produttivi di conservazione e tutela dell’ambiente”. Tale agevolazione è contenuta sul BUR n. 43 del 25/10/2017.

Area Geografica: Friuli Venezia Giulia
Scadenza: 23/01/2018
Beneficiari: Ente pubblico, PMI, Micro Impresa
Settore: Agricoltura, Pubblico
Spese finanziate: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, Consulenze/Servizi
Agevolazioni: Contributo a fondo perduto
Dotazione Finanziaria: 1.000.000€

Descrizione del bando

Il bando in questione disciplina gli “Investimenti non produttivi di conservazione e tutela dell’ambiente”. Questi interventi devono essere realizzati su terreni agricoli per promuovere, da una parte, lo sviluppo sostenibile di un’attività agricola, forestale e agroalimentare e, dall’altra, contrastare l’abbandono della popolazione con il conseguente degrado delle zone montane e rurali.

Chi può beneficiare del contributo

I soggetti che possono richiedere il contributo per la tutela e la conservazione dell’ambiente in Friuli Venezia Giulia sono:

  • Agricoltori, sia singoli che associati;
  • Gestori del territorio, sia pubblici che privati
  • Gli enti pubblici territoriali.

Interventi ammessi

Gli interventi ammessi tra gli investimenti non produttivi di conservazione e tutela dell’ambiente di questo bando sono:

  1. Realizzazione o ripristino di bordure arboree o arbustive mono e pluristratificate e polispecifiche con la
    funzione di corridoi ecologici o frangivento anche con l’utilizzo di specie con funzione mellifera;
  2. Realizzazione di ambienti misti macchia-radura e ripristino di ecotoni;
  3. Realizzazione di pozze d’acqua e laghetti anche temporanei realizzati unitamente ad una fascia di
    rispetto con funzione di abbeveratoi o di tutela dell’avifauna e di altre specie animali di interesse comunitario.

Forma ed entità dell’agevolazione

Il contributo è erogato in conto capitale al quale viene applicata un’aliquota del 100% per il costo ritenuto ammissibile che va da un minimo di 5.000.00€ ad un massimo di 200.000.00.

Contributo a fondo perduto fino al 100% per iniziative progettuali riguardanti eventi di valorizzazione della memoria storica.

Area Geografica: Friuli Venezia Giulia
Scadenza: BANDO APERTO | Scadenza il 22/11/2017
Beneficiari: Associazioni/Onlus/Consorzi
Settore: Servizi/No Profit
Spese finanziate: Consulenze/Servizi, Promozione/Export
Agevolazione: Contributo a fondo perduto

Il presente Avviso pubblico disciplina le modalità di selezione delle iniziative progettuali da ammettere ad incentivo aventi ad oggetto la promozione, l’organizzazione e la realizzazione di progetti mirati alla valorizzazione della memoria e della testimonianza storica, tra cui il recupero e la divulgazione di materiale storico-documentale e l’organizzazione di incontri nelle scuole.

Soggetti beneficiari:

I soggetti beneficiari degli incentivi sono individuati tra le associazioni rappresentative degli ex combattenti, partigiani, resistenti, deportati, mutilati e invalidi di guerra, vittime civili di guerra, orfani, vedove di guerra o per cause di guerra, e delle associazioni d’arma.

Entità e forma agevolazione

L’incentivo erogabile per ogni progetto è compreso fra € 3.000,00 e € 5.000,00.

L’importo dell’incentivo regionale è pari al 100% del fabbisogno di finanziamento.

Scadenza

Le domande dovranno essere presentate entro le ore 12.00.00 del 22.11.2017.

Udine: contributi per la partecipazione a fiere internazionali da parte delle Pmi

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Udine, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali, intende accrescere la competitività delle micro, piccole e medie imprese industriali della provincia di Udine attraverso l’assegnazione di contributi per la partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero.  Sono ammesse ai benefici previsti le micro, piccole e medie imprese industriali che svolgono attività estrattiva, di trasformazione o produzione di beni e delle costruzioni, le PMI di servizio costituite sotto forma di società e  i consorzi aventi attività e sede nella provincia di Udine costituiti in maggioranza da PMI industriali aventi attività nel territorio regionale.

Le risorse finanziarie destinate al presente bando ammontano a 200.000 euro. Sono ammesse a contributo le spese sostenute per la tassa di iscrizione, l’affitto e l’allestimento della superficie espositiva, ivi compresi il noleggio delle strutture espositive, delle attrezzature ed arredi, la realizzazione degli impianti, il trasporto del materiale da allestimento ed espositivo ed il montaggio e smontaggio. È prevista l’erogazione di un contributo a fondo perduto pari al 70% della spesa ammessa, con un minimo pari ad 3.000 euro e con un massimo di 7.000 euro. Le richieste dovranno essere presentate successivamente alla conclusione della manifestazione fieristica con allegata la rendicontazione della spesa.

Potranno essere ammesse a contributo solo le spese relative alla partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali in Italia o all’estero che si terranno a partire dal 1 luglio al 31 ottobre 2014. La Camera di Commercio di Udine si riserva di chiudere anticipatamente il bando in caso di esaurimento dei fondi disponibili. Potrà essere ammessa a finanziamento solamente una domanda di contributo per ciascuna impresa.  Le domande dovranno essere inviate esclusivamente tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo contributi@ud.legalmail.camcom.it a partire dal 1 luglio 2014 ed entro il 31 dicembre 2014 secondo le modalità previste dal bando.

 

 

Udine: contributi per la creazione di applicazioni informatiche

La Camera di Commercio di Udine incentiva la creazione di applicazioni informatiche da parte delle imprese locali: le App devono essere dedicate ai dispositivi di tipo mobile e di siti Web responsive finalizzati alla valorizzazione e commercializzazione dei prodotti.  Per app si intende una applicazione o un programma creato per essere installato su dispositivi di connettività mobile quali telefoni cellulari o tablet, mentre per sito web responsive (adattivo) si fa riferimento ad un Sito web capace di adattarsi alle diverse risoluzioni dei dispositivi sui quali viene visualizzato, dallo schermo del computer a quello di dispositivi di connettività mobile quali telefoni cellulari o tablet.

Il bando è rivolto alle imprese, loro cooperative e consorzi che rientrano nella definizione di micro, piccola e media impresa, con sede legale o unità locale destinataria dell’investimento nella provincia di Udine, in regola con il pagamento del diritto camerale e attive, alla data di presentazione della domanda di contributo.  Le iniziative dovranno essere avviate successivamente al 10 giugno 2014 e concluse prima della presentazione della domanda. Sono ammesse a contributo le spese prima della presentazione della domanda per l’acquisizione di consulenze specifiche per la creazione di applicazioni informatiche dedicate ai dispositivi di tipo mobile e consulenze specifiche per la creazione di un sito web responsive.

L’app o il sito web responsive devono essere realizzati e risultare operativi alla data di presentazione della domanda e almeno fino alla data di concessione-erogazione del contributo.  L’agevolazione concedibile per ciascuna domanda consiste in un contributo a fondo perduto, in conto capitale sulle spese sostenute e ritenute ammissibili per gli investimenti nella percentuale massima del 70% e non superiore a 10.000 euro per progetto.  Le imprese interessate possono presentare entro il 31 dicembre 2014 domanda di contributo alla CCIAA di Udine all’indirizzo di posta elettronica certificata contributi@ud.legalmail.camcom.it. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare il bando.