Campania: sostegno agli investimenti delle PMI con elevato potenziale innovativo

servizi-progetti-innovazione-tf

Nell’ambito dello “Sportello dell’Innovazione”, la Regione Campania ha attivato un’azione di sostegno agli investimenti delle PMI campane con elevato potenziale innovativo, cui sono destinati 10.000.000 euro per supportare le iniziative finalizzate a innalzare la qualità della produzione di beni e di servizi attraverso processi di specializzazione produttiva basati sull’applicazione di nuove conoscenze e ingegnerizzazione di nuovi prodotti e processi. Le azioni sono rivolte a partenariati, costituiti o costituendi nella forma di ATS, consorzio, società consortile o rete di impresa, tra una o più PMI e almeno un organismo di ricerca. I progetti devono avere un costo complessivo non superiore a 1.200.000 euro e non inferiori a 500.000 ed una durata non superiore ai 12 mesi dalla data di presentazione del progetto.

Le iniziative devono essere finalizzate alla realizzazione di studi di fattibilità tecnica preliminari alle attività di sviluppo sperimentale, all’ottenimento della concessione e del riconoscimento di brevetti e di altri diritti di proprietà industriale generati da attività di Sviluppo sperimentale, al ricorso al personale altamente qualificato da parte di un grande impresa e ad attività a supporto dell’innovazione e del trasferimento tecnologico a monte e a valle delle attività di R&S, per un importo non superiore ai 200.000  euro. I costi ammissibili alle agevolazioni comprendono spese sostenute per la realizzazione delle attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale.

Sono previste anche altre spese generali e altri costi, ad esempio per l’acquisto dei materiali, forniture e prodotti analoghi utilizzati per lo svolgimento del progetto, pubblicità, divulgazione e disseminazione dei risultati della ricerca, spese connesse ai diritti di proprietà industriale relativamente ai risultati delle attività di R&S del Progetto, spese sostenute per la realizzazione delle attività di innovazione e di trasferimento tecnologico e, infine, spese connesse alla messa a disposizione di personale altamente qualificato da parte di una grande impresa. Le agevolazioni sono concesse con forme e intensità differenziate in base alla tipologia di attività a cui si riferiscono e della dimensione di impresa. Le proposte devono essere presentate tramite procedura telematica dal 3 giugno 2014.