Bando Fonder: contributi alle imprese in crisi per la formazione dei lavoratori a rischio

formazione

Fonder ha indetto un bando nazionale con l’avviso n.2/2013 rivolto alle imprese in crisi e i lavoratori a rischio di perdita del posto di lavoro. L’iniziativa stanzia € 500.000 per la realizzazione di piani formativi destinati ad enti ed imprese aderenti a Fonder che versano in una particolare condizione di difficoltà economica ed occupazionale. L’obiettivo è quindi quello di rafforzare le competenze professionali e lo stato occupazionale dei lavoratori e aumentare le capacità di risposta delle imprese ai bisogni dell’utenza, rendendola in grado di erogare un servizio di alta qualità.

Le tematiche specifiche ma non vincolanti, che dovranno essere inserite nei Piani formativi e sono ritenute di particolare valenza educativa, riguardano: (a) la sicurezza, la prevenzione e la salute dei lavoratori, (b) l’accrescimento, la riqualificazione e l’occupabilità, (c) la qualità e il miglioramento di servizi e prestazioni, (d) le tecniche di comunicazione e relazione, (e) l’innovazione organizzativa, metodologica, tecnologica e contenutistica dell’attività lavorativa e (f) la tutela dei dati personali. I seguenti nuclei tematici appena enunciati non costituiscono motivo di priorità in sede di valutazione dei vari progetti.

I destinatari dell’intervento sono i lavoratori assunti presso gli enti beneficiari, con contratto a tempo determinato o indeterminato – part-time compreso, quelli temporaneamente sospesi per riduzione temporanea di attività o riorganizzazione aziendali, gli apprendisti e i lavoratori co.co.pro o religiosi. Visto il particolare momento di crisi in questa specifica congiuntura economica e produttiva, potranno essere eleggibili alla formazione anche i lavoratori collocati in mobilità in imprese che aderiscano già al fondo o quelli che, a seguito della formazione, verranno assunti entro il 2014 in imprese iscritte al Fonder.

Possono beneficiare degli interventi le imprese con o senza scopo di lucro aderenti a Fonder, le fondazioni e le associazioni, le aziende e le cooperative di ispirazione religiosa e gli enti ecclesiastici. La partecipazione all’iniziativa dei suddetti avverrà in qualità di ente giuridico ovvero, facendo l’esempio di un’istituto appartenente ad una congregazione, il beneficiario del piano formativo risulterà essere la congregazione stessa, anche se le attività si svolgeranno nella struttura specifica dell’istituto.

Le domande devono essere presentate entro il 31 dicembre 2013. Per ulteriori informazioni è possibile consultare la seguente pagina sul sito ufficiale del Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua negli enti religiosi.