Avere il team giusto – perché è importante per un’impresa

team

Far partire un’azienda non è compito facile. Non importa quanto crediate nella vostra idea e vi stiate impegnando, è quasi impossibile riuscire a controllare continuamente il proprio lavoro e allo stesso tempo garantire che lo stiate gestendo al meglio. Anche i più grandi progetti hanno dei difetti e quando l’imprenditore è profondamente immerso in tutti gli aspetti della propria attività, aumentano le possibilità che stia sottovalutando qualcosa.

Questo è il momento in cui entra in gioco la propria squadra. È importante che i membri del team non esitino a sottolineare i vostri errori e lavorino per offrire soluzioni lungimiranti. Potete essere l’imprenditore di piombo della vostra impresa, ma in nessun modo questo vi rende perfetti. Per esempio, non potrete mai sapere se quell’errore che il vostro socio ha appena corretto farà la differenza tra il successo e il fallimento della vostra attività.

La maggior parte degli imprenditori ha un particolare modo di pensare e di risolvere i problemi. Indipendentemente da quanto successo si abbia, utilizzare la stessa tattica per risolvere i problemi non funziona sempre.  C’è sempre più di un modo per affrontare un problema. Più idee vengono prese in considerazione, più efficace sarà la soluzione. Per un imprenditore, diventa strategico  potersi consultare con il proprio gruppo di esperti, passare al setaccio le idee migliori e unirle in una soluzione combinata vincente.

Reclutare un team non significa soltanto far sedere più persone davanti a un tavolo e prendere decisioni. Ogni persona che assumete ha la propria rete di contatti, che presto o tardi potrebbe risultare molto utile alla vostra azienda. Quando si arriva al punto, sia i clienti che gli investitori sono più propensi a dar soldi a persone che già conoscono piuttosto che ad uno sconosciuto che li ha contattati tramite LinkedIn, Facebook o Twitter. Espandere il vostro giro è sicuramente una delle cose più importanti da fare per assicurarsi il successo.

Un imprenditore può farcela da solo, questo è fuor di dubbio. Alla fine dei giochi, però, comparate una persona che lavora  in solitario, contro tre o quattro altrettanto qualificate che fanno lo stesso in un team. Il potenziale di successo è molto più alto e anche il processo si rivela più divertente. Costruire una squadra che ingrani bene, ami lavorare insieme e abbia la stessa passione dell’imprenditore per il progetto è una grande sfida. Eppure è imperativo riuscire a farcela, perché il risultato sarà estremamente remunerativo.

Chiara Di Giovannantonio