Fondimpresa: contributi sulla competitività per la formazione aziendale

Attraverso l’Avviso 4/2014-Competitività, Fondimpresa vuole finanziare nuovi piani formativi professionali inerenti le tematiche principali sullo sviluppo competitivo delle imprese. I piani formativi possono essere presentati da aziende aderenti a Fondimpresa, enti di formazione accreditati, università pubbliche e private e istituti tecnici che rilasciano titoli di istruzione secondaria superiore. Le azioni di formazione dovranno essere direttamente connesse ad aree tematiche funzionali allo sviluppo competitivo delle imprese come l’innovazione tecnologica di prodotto e di processo, innovazione dell’organizzazione, digitalizzazione dei processi aziendali, commercio elettronico, contratti di rete, internazionalizzazione. Lo stanziamento messo a disposizione per l’Avviso ammonta a 36 milioni di euro.

Potranno interessare solo uno dei tre seguenti ambiti: 1) territoriale, esclusivamente in una regione o provincia autonoma collocata all’interno di una delle tre macro aree – nord, centro, sud e isole; 2) settoriale, di reti e di filiere produttive, su base multi regionale, per soddisfare fabbisogni formativi comuni alle aziende appartenenti alla stessa categoria merceologica o a reti e filiere organizzate secondo la logica del prodotto finale; 3) ad iniziativa aziendale, riguardante i piani presentati da soggetti proponenti costituiti prevalentemente da imprese già aderenti beneficiarie della formazione per i propri dipendenti. Nei piani formativi devono essere previste attività preparatorie, di accompagnamento, non formative e di erogazione della formazione. I piani formativi devono concludersi entro 13 mesi dall’ammissione del finanziamento.

Il finanziamento verrà erogato con un anticipo fino al 50% del finanziamento da richiedere entro 120 giorni dalla data di ammissione ad esso, con un acconto fino al 35% concesso alla rendicontazione di una spesa per un importo pari almeno all’80% del valore dell’anticipo iniziale da richiedere almeno 40 giorni prima del termine assegnato per la conclusione del piano e un saldo del finanziamento, se dovuto, entro 60 giorni dall’approvazione della rendicontazione finale. Le domande di partecipazione devono essere trasmesse tramite posta elettronica certificata fino alle ore 13 del 27 febbraio 2015 per l’ambito territoriale, mentre per l’ambito settoriale e quello aziendale fino alle ore 13 del 13 marzo 2015.

Per ulteriori informazioni, è possibile consultare il sito web ufficiale.

ItaliaCamp: un concorso di idee su “Competitività e Semplificazione”

La Federazione nazionale dei cavalieri del lavoro, in collaborazione con il network ItaliaCamp, lancia la nuova call of ideas “Competitività e Semplificazione” con l’obiettivo di far emergere idee e progetti mirati ad individuare nuove e concrete soluzioni che possano stimolare l’innovazione del sistema imprenditoriale e industriale italiano e snellire il dialogo con la pubblica amministrazione, semplificandone tempi e procedure per chi vuole fare impresa. Per farlo, si è scelto di focalizzare l’attenzione su due chiavi strategiche – innovazione tecnologica e semplificazione – che rappresentano le due macroaree su cui dovranno incentrarsi le idee e i progetti raccolti dal concorso di idee. Le proposte potranno essere presentate da università, imprese, liberi professionisti, istituzioni, think-tank, centri di ricerca e pubblica amministrazione.

Per la macroarea  “innovazione tecnologica” potranno essere presentate iniziative per la re-innovazione di prodotti e processi, partendo da quelle tecnologie considerate prioritarie per il sistema industriale e immediatamente applicabili alle imprese, oppure proposte riguardanti l’Ict, per aumentare la capacità delle aziende italiane di adottare e sfruttare appieno le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle attività quotidiane e nei processi produttivi. Per quanto riguarda l’area “semplificazione”, si possono proporre iniziative riguardanti i processi, la nascita di nuove imprese o per attrarre nuovi investitori.

Le migliori idee selezionate tra quelle pervenute saranno presentate di fronte ad una giuria di esperti. La giuria sceglierà la proposta più significativa e innovativa sulla base del materiale pervenuto al Concorso e provvederà alla nomina dell’idea vincitrice. Le migliori di policy saranno invece portate all’attenzione della Commissione Bicamerale sulla semplificazione per l’adozione dei possibili provvedimenti normativi.  Le idee vincitrici, in termini di innovazione tecnologica, avranno accesso al network del Gruppo Lombardo dei Cavalieri del Lavoro con l’obiettivo immediato di realizzarle. Le proposte devono essere presentate attraverso il portale presente nel sito web ufficiale entro il 10 marzo 2015.

 

Roma: voucher per l’internazionalizzazione delle pmi

La Camera di commercio di Roma ha pubblicato un bando per la concessione di voucher a favore dei processi di internazionalizzazione delle imprese romane. L’obiettivo principale del bando è quello di promuovere lo sviluppo di relazioni e di scambio con l’estero da parte delle imprese e di offrire loro servizi specialistici di assistenza e supporto, attraverso l’erogazione di un contributo per l’acquisto di servizi di assistenza diretta, la partecipazione a fiere e missioni imprenditoriali all’estero in forma coordinata e la partecipazione ad incoming di operatori esteri a Roma. Possono partecipare le micro, piccole e medie imprese con sede legale e produttiva regolarmente iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Roma.

Sono ammesse al finanziamento le seguenti misure: A) servizio di assistenza diretta e supporto per l’internazionalizzazione; B) partecipazione a missioni economiche all’estero in forma coordinata; C) partecipazione a fiere internazionali e all’estero in forma coordinata; D) partecipazione ad incoming di operatori esteri e buyer a Roma.  I contributi non possono essere utilizzati per la copertura dei costi di viaggio, vitto e soggiorno o per le eventuali quote associative a consorzi o associazioni, né per altre somme eventualmente dovute ad uno dei soggetti attuatori per fini diversi da quelli specificati. Per ogni iniziativa, anche se organizzata da soggetti attuatori diversi, può esserne richiesto solo un voucher.

Le risorse stanziate complessivamente per il bando ammontano a 500 mila euro. Il voucher consiste nell’abbattimento del costo del servizio richiesto che verrà erogato a favore dell’impresa dal soggetto attuatore. L’entità massima del contributo erogabile per ogni singola impresa di Roma e provincia partecipante al bando è fissato a 15 mila euro. Le domande di partecipazione devono essere trasmesse in via telematica attraverso uno dei Soggetti Attuatori fino all’esaurimento delle risorse disponibili. Prima di presentare le domande di contributo on line è necessario dotarsi con sufficiente anticipo delle abilitazioni per accedere alla piattaforma informatica.

Per ulteriori informazioni, è possibile scaricare l’avviso completo.